Bussola del coronavirus per aziende

Insieme a voi per la sicurezza dei vostri collaboratori

Novità

Da lunedì 13 settembre 2021, i datori di lavoro possono utilizzare un certificato COVID come parte delle loro misure di protezione. Se chiederanno ai loro dipendenti di sottoporsi un test, i datori di lavoro dovranno coprirne i costi. Soltanto i test ripetuti saranno assunti dalla Confederazione.

Per saperne di più

Il Consiglio federale ha adeguato la strategia nazionale di test il 25 agosto. Il finanziamento dei test antigenici rapidi e dei test autodiagnostici per le persone non vaccinate e non guarite sarà interrotto a partire dal 1° ottobre. I costi per i test ripetitivi nelle aziende continueranno ad essere coperti dal governo federale. Una decisione sull'estensione dell'obbligo del certificato Covid sarà presa dopo la consultazione cantonale del primo settembre.

Per saperne di più

L'11 agosto, il Consiglio federale ha deciso di mantenere le misure di Corona ancora in vigore. A partire dalla fine di settembre, il finanziamento dei test antigenici rapidi e dei test autodiagnostici per le persone non vaccinate e non guarite sarà abolito. Il Consiglio federale deciderà su questo cambiamento di misure il 25 agosto, dopo la consultazione cantonale.

I test ripetitivi nelle aziende continueranno ad essere raccomandati e finanziati.

Per saperne di più

Già da sabato 26 giugno 2021, le misure contro il Corona saranno notevolmente ridotte. L'obbligo generale di indossare una maschera sul posto di lavoro sarà eliminato. I datori di lavoro decideranno da soli dove e quando è necessario indossare una maschera. Allo stesso modo, l’obbligo del telelavoro sarà abrogato e sostituito da una raccomandazione. Inoltre, il lavoro sul posto non è più legato all'obbligo di eseguire test ripetitivi.

Per saperne di più

Per le aziende che testano una volta alla settimana, l'obbligo del telelavoro sarà ora convertito in una raccomandazione per telelavoro. Questo è stato annunciato dal Consiglio federale alla conferenza stampa del 26 maggio.

Per saperne di più

Insieme ai nostri partner di cooperazione Helsana, Hirslanden e farmacia zur Rose, vi offriamo su questa piattaforma, in quanto datori di lavoro, informazioni aggiornate sul Covid-19 e su come garantire la miglior protezione possibile sul posto di lavoro.

Oltre alle consolidate regole di igiene e distanziamento, la conduzione di test regolari assicura maggiore sicurezza alla vostra azienda. I test possono infatti rilevare individui infetti ma asintomatici, contribuendo così a contenere e a monitorare ulteriormente la diffusione del virus. Di seguito vi presentiamo i diversi tipi di test e vi spieghiamo quando impiegarli al meglio.

Trovate inoltre offerte interessanti, come ad esempio uno sconto per volumi sui test autodiagnostici.

Insieme ai cantoni, la Confederazione sta cercando la migliore strategia per contenere la diffusione del coronavirus. Le misure decise di volta in volta dipendono dalla situazione epidemiologica e dalla strategia globale adottata dalla Svizzera per affrontare l’epidemia.

Il Consiglio federale ha definito un modello a tre fasi che delinea l’approccio strategico fino alla fine della crisi legata al Covid-19. Il modello prende in considerazione anche l’aumento della copertura vaccinale e l’introduzione di test a tappeto ed effettuati a intervalli regolari.

Nella nostra Bussola del coronavirus vi informiamo in merito agli ultimi sviluppi ed evidenziamo le implicazioni e le opportunità per la vostra azienda.

I benefici offerti dai test regolari in azienda

  • Sicurezza aggiuntiva: completano in modo ottimale i vostri piani di protezione esistenti e creano una sicurezza supplementare.
  • Interruzione delle catene di contagio: non rilevano solo i portatori del virus sintomatici, ma anche quelli asintomatici. È così che si rompe la catena dei contagi. Se i portatori del virus si isolano tempestivamente, si limita un’ulteriore e incontrollata diffusione del contagio. Vari studi hanno evidenziato che ciò può ridurre il tasso di incidenza del 20-50 percento a seconda del settore economico.
  • Esenzione dall’obbligo di quarantena: i nostri test offerti sono approvati dall’UFSP. Se testati settimanalmente (test salivare PCR e test rapido), i vostri collaboratori sono esonerati dall’obbligo di quarantena.

Insieme siamo solidali. Eseguite i test su base regolare e, come azienda, fornite un contributo significativo al contenimento e al monitoraggio del coronavirus affinché si possa tornare il prima possibile alla normalità.

Panoramica dei tipi di test

Qui trovate le informazioni più importanti sui tre tipi di test che potete impiegare nella vostra azienda. Il rispettivo link vi porterà direttamente al partner che offre il test.

Testarten for HMS IT
Info & iscrizione test salivare PCR Info & ordinazione test rapidi Info & ordinazione test autodiagnostici

Risposte alle domande più frequenti

I test PCR salivari rilevano l’infezione da coronavirus già poco dopo l’avvenuto contagio: eseguiti settimanalmente offrono pertanto la massima sicurezza. Vengono impiegati per il contenimento e il monitoraggio del coronavirus in aziende e scuole.

I risultati dei test antigenici rapidi sono meno affidabili di quelli dei test PCR. I test funzionano al meglio quando è presente una carica virale elevata. È quindi possibile che le persone infette con una bassa carica virale, per esempio subito dopo l’infezione o verso la fine della malattia, non vengano rilevate. I test antigenici rapidi sono quindi particolarmente adatti per fornire una sicurezza aggiuntiva a un evento specifico, come una manifestazione. Tuttavia, possono anche essere utilizzati se le aziende desiderano eseguire test regolari. A ogni modo, è importante sapere che in questo contesto i test sono eseguiti da personale medico specializzato. Inoltre, i test rapidi positivi devono essere confermati da un test PCR.

I test autodiagnostici scattano un’istantanea del momento. Funzionano al meglio in presenza di un’alta carica virale. Tuttavia, se i collaboratori non eseguono i test correttamente, i risultati possono essere falsati. I test autodiagnostici sono quindi particolarmente adatti come misura protettiva supplementare in aggiunta alle misure igieniche e alle norme di distanziamento esistenti. I collaboratori possono usarli, per esempio, quando sono previsti workshop o riunioni. I test autodiagnostici non sono adatti a test ripetitivi nelle aziende: non sono possibili né l'esenzione dalla quarantena né l'allentamento dell'obbligo del telelavoro tramite l'autotest.

Circa lo 0,1-0,2 per cento della popolazione è portatore sano di coronavirus (le cosiddette persone asintomatiche). Questi soggetti possono pertanto trasmettere il virus per molto tempo senza rendersene conto.

Occorre dunque identificare le persone infette in modo rapido e completo eseguendo test ripetuti. La ripetizione regolare dei test, insieme alle regole di igiene e distanziamento in vigore, al contact tracing e alle vaccinazioni, costituisce la base per il contenimento e il monitoraggio del coronavirus. Con i test ripetuti, le aziende garantiscono la sicurezza sia dei propri collaboratori sia dei propri clienti.

Oltre a ciò, attraverso l’esecuzione di test regolari le aziende possono avvalersi dell’esonero dall’obbligo di quarantena: i collaboratori possono infatti continuare a lavorare anche se sono stati a stretto contatto con una persona risultata positiva al test.

Se necessario, Health & Medical Service vi offrirà supporto:

  • con personale amministrativo per l’organizzazione e l’affiancamento dei test salivari PCR
  • con personale medico per l’esecuzione di test rapidi, per es. in occasione di eventi o test singoli PCR per piccoli gruppi
  • nella pianificazione dei test con il nostro strumento di prenotazione degli appuntamenti planET

Descriveteci la vostra richiesta. Il team Offerta e comunicazione vi contatterà il prima possibile per un’offerta personalizzata.

Contattateci

I collaboratori consegnano settimanalmente un campione di saliva. I campioni sono poi riuniti in cosiddetti «pool», in modo che i laboratori possano elaborare un gran numero di campioni. Se un campione del pool è positivo, ogni singola persona del pool deve sottoporsi a un altro test PCR. Finché il risultato non è noto, i collaboratori possono continuare a lavorare normalmente.

Il materiale per il pooling viene consegnato regolarmente all’azienda. Nei cantoni partecipanti esistono diverse soluzioni per quanto riguarda la trasmissione dei campioni al laboratorio (punti di raccolta, servizi di ritiro, ecc.).

Per maggiori dettagli sulla procedura e sui passi successivi, si veda TOGETHER WE TEST.

No, l’obbligo di indossare la mascherina rimane, anche se le persone vengono testate regolarmente o puntualmente. Deve essere indossata una mascherina ogni qual volta nella stessa stanza sia presente più di una persona, anche quando è possibile rispettare il distanziamento (per esempio in uffici aperti).

Le persone vaccinate possono partecipare ai test, potenzialmente possono infatti essere ancora portatori del virus.

In linea di principio, deve essere testato il maggior numero di persone possibile, quindi può sottoporsi a test anche chi lavora in home office. Del resto, molto presto potrebbe essere possibile fare ritorno in ufficio.

Chi ha contratto il COVID-19 non deve partecipare ai test fino a sei mesi dopo l’inizio della malattia, in quanto fino ad allora potrebbe risultare ancora positivo.

Un’offerta di

Kooperation Covid 19 Angebot IT